L’arbre

DSCN0882

L’ARBRE

Les parties qui composent un arbre sont les racines, le tronc, les feuilles, les branches et les petites branches, le nid.

NOTRE JARDIN

Dans le jardin de notre collège il y a différents types d’arbres: l’orme, le laurier, le peuplier, le bouleau, le chêne. Il y a aussi le lierre, qui n’est pas un arbre.

LA CELLULE

Nous avons dessiné et affiché en classe une cellule végétale géante. Elle est délimitée par la paroi cellulaire et la membrane cellulaire. A l’intérieur il y a les vacuoles, les ribosomes, le réticulum endoplasmique, le noyau, le cytoplasme et les mitochondries. La cellule végétale est verte parce qu’elle contient des chloroplastes.

DSCN0883

Annunci

Incontro con il Dott. Donadel, Ufficio Verde pubblico, Comune di Venezia

20180507_111052

Il dott. Donadel, tecnico responsabile del Verde Pubblico del Comune di Venezia, è venuto a trovarci nella nostra Scuola, per un incontro davvero interessante. Abbiamo prima visto l’importanza che rivestono gli alberi per l’uomo, per l’ambiente e per la città. Abbiamo appreso che nel territorio comunale ci sono ben tre milioni di metri quadrati di aree verdi  circa quarantamila alberi (esclusi il Bosco di Mestre e i Parchi San Giuliano e Albanese).

Ci ha spiegato poi di cosa si occupa la struttura del Verde Pubblico; per esempio interviene sulle aree a Verde Pubblico non affidate a gestori per la cura, lo sfalcio e la potatura; fornisce consulenze alle varie strutture comunali su tematiche riguardanti le aree verdi, fornisce consulenze specialistiche nella progettazione di opere pubbliche e private che prevedano la realizzazione di opere a verde; rilasciano pareri tecnici in merito alla domanda di modifica del verde in ambiti vincolati; rilasciano il parere per l’occupazione di aree di verde pubblico, e attraverso l’applicazione del regolamento comunale per la promozione e la tutela del verde in città, sanzionano anche chi compie reati contro il patrimonio “Verde”.

Donadel (2)

Pensate che questo regolamento è stato fatto nel 2003 dopo che alcune persone si sono incatenate ad alcuni alberi per non farli abbattere.20171019_090315

Siamo poi andati nel giardino della nostra scuola per mappare gli alberi più interessanti. Abbiamo così scoperto di avere due splendidi esemplari di Taxodium, parenti stretti delle sequoie che sono fra le piante più antiche del Pianeta. Abbiamo un Gelso, utilizzato una volta per i bachi da seta, con delle more buonissime! Un bellissimo Ciliegio, un Ginkgo Biloba, una pianta di origini antichissime…e poi…venite a trovarci e vi faremo da Ciceroni!

(Foto degli alberi del nostro giardino in autunno)

Io albero…racconto

Quercia 2

E se fossimo alberi…cosa penseremmo, quali sarebbero le nostre emozioni, i nostri pensieri?

Abbiamo provato ad immedesimarci in un albero, qui di seguito alcuni dei racconti che abbiamo poi realizzato.

Abeti

Mi chiamo Daniel, più precisamente Daniel Plop. Il mio cognome in moldavo significa Pioppo e quindi io sono un Pioppo e davvero grande. Vivo in una foresta, insieme a tanti altri pioppi. Ogni anno vedo i miei amici alberi che vengono tagliati e questo mi fa diventare molto triste. Su di me vivono due scoiattoli davvero carini; ogni giorno facciamo quattro chiacchiere insieme e ci diciamo tante battute, mentre loro sgranocchiano qualche nocciola. Ma tornando ai miei fratelli alberi, come ho già detto, ogni anno rimango sempre più isolato dagli altri e sono sicuro che prima o poi taglieranno anche me. Passa il tempo, mentre intorno a me cadono i tronchi dei miei vicini; solo i miei scoiattoli mi fanno ancora compagnia, ma sono sicuro che anche loro presto mi dovranno abbandonare. Un giorno mi accorgo che vicino a me sta crescendo qualcosa: è un altro Pioppo! Finalmente non sono più solo! I semi caduti continuano a germogliare, così negli anni successivi la foresta si  riempie di Pioppi e Daniel il Pioppo non rimane più solo.

Racconto di Daniel P.

pine-forest-

Sono un pino e mi chiamo Riccardo vivevo in una pineta insieme ai miei amici. Si stava avvicinando l’inverno, ma non ero preoccupato, perché i pini non perdono le foglie. Un giorno vidi degli uomini venire verso di me e i miei amici, quegli uomini cominciarono ad abbatterci: in quel momento ebbi paura e svenni. Mentre ero svenuto, sentivo il rumore di un camion che mi trasportava. Quando mi svegliai mi trovai in una casa piena di addobbi: era Natale. Vidi un bimbo venire verso di me e mi abbracciò; in quel momento fui così felice, che decisi di restare in quella casa. Passai molti anni lì, mentre vedevo i bambini crescere e i genitori invecchiare. Un giorno arrivò un uomo con un albero artificiale. La mia famiglia decise di comprarlo e mi rimpiazzò, mi buttarono sulla neve ed io ogni giorno avevo sempre più freddo. Un giorno arrivò da me una vecchietta, che mi trasportò a gran fatica sul suo camioncino. Mi portò al parco e mi piantò. Lei veniva ogni giorno al parco a prendersi cura di me. Dopo pochi anni purtroppo si ammalò e morì. Io ero molto triste e mi stavo ammalando anche io, perché solo lei si prendeva cura di me. Qualche mese dopo arrivò uno dei bambini della mia vecchia famiglia: lui era cambiato e quindi non lo riconobbi subito, ma lui si ricordò perfettamente di me. Chiese ai proprietari del parco se poteva portarmi via, i proprietari gli risposero di sì, perché mi stavo ammalando e nessuno voleva prendersi cura di me. Mi portò a casa sua e così vissi felice con lui e la sua famiglia per molto tempo ancora.

Racconto di Riccardo G.

hamburg-2717842_960_720Io sono un albero, un albero che vive nel bel mezzo di un grandissimo parco amato da piccoli e grandi. Sono parecchio grande e robusto anche se ho qualche braccio fino, penso di piacere lo stesso alle persone, ai bambini che giocano spesso. La mia stagione preferita è la primavera, perché le foglie mi fanno diventare più bello e curato, quello che non mi sento quando arriva l’autunno e poi l’inverno. Alla mattina spesso mi sento solo, perché al parco non ci viene quasi mai nessuno e non che mi dispiaccia, perché almeno posso riposare, però devo dire che quando sono in compagnia mi sento meglio e più apprezzato. Al pomeriggio qualche volta vengo svegliato durante il mio riposino e subito sobbalzo dallo spavento. Poi, però, mi accorgo che sono solo dei bambini che vogliono giocare con me, anzi con le mie radici! Ogni tanto mi fanno anche male, perché ci saltano su pensando di non farmi niente, ma non e così bambini! Nonostante questo, sopra di me sono sempre al sicuro, non per vantarmi, ma sono molto forte! Mi piace pensare di essere amico della gente che passa a salutarmi ed ammirarmi. Una cosa che mi fa impazzire, in senso positivo, è quando ci sono le gite scolastiche, che io amo perché i ragazzini vengono a studiarmi, vengono a studiare proprio me! Chi lo avrebbe mai detto! Ecco quando arrivano questi ragazzini io mi mostro più bello che mai, loro sono tutti pronti ad accarezzarmi e si divertono a farmi il solletico, staccandomi le foglie che ho, se le ho. Passo le mie giornate ad ammirare chi arriva al parco, ma spesso sento la stanchezza che parte dal busto e arriva fino alle mie radici. Sapete ho più di cent’anni!

Racconto di Asia F.

alloro

Sono un Alloro che vive vicino ad un laghetto nel parco di Central Park. Mi piaccio perché sono sempre verde e i bambini vengono a giocare su di me per la mia bellissima forma a caverna. Ho tantissimi rami che arrivano quasi a terra. I bambini si rincorrono e giocano a nascondino dietro ai miei rami. Talvolta i ragazzi un po’ più grandi fanno a gara a chi si arrampica più in alto. Mi piace anche quando le mamme prendono le foglie dai miei rami per cucinare; mi sento utile per tutta la famiglia.

Racconto di Alberto Z.

quercia1

Io sono una Quercia mi chiamo Andrea e di solito, ogni mattina, viene uno scoiattolo che mi sveglia e si prende le mie ghiande. Io mi arrabbio, perché mi fanno male i rami. Così un giorno chiesi alla betulla mia vicina: “Cosa devo fare?”. Lei mi rispose: “Perché non fai amicizia con lui, così non starai più solo?”. Il giorno seguente vidi lo scoiattolo  e gli chiesi se volesse essere mio amico, lui mi rispose che andava bene. Un  mattino mi svegliai e sentii dei rumori rombanti molto forti; erano motoseghe e io sapevo che quello sarebbe stato il mio ultimo giorno di vita. Mi avrebbero tagliato per fare legname. Ero ormai rassegnato al mio destino, quando un bambino mi si avvicinò, abbracciò il mio tronco e mi protesse dicendo ai boscaioli di non tagliarmi. I boscaioli fecero contento il bambino che da quel giorno venne spesso a trovarmi e a giocare fra i miei rami, amici per sempre.

Racconto di Ardi T.

pioppo